Valigetta nera

Angiola_Tremonti

di Angiola Tremonti

…Istanbul. Direzione Atatùrk Airport.
Ultima tappa del mio viaggio alla ricerca…
…mi estraneo dal contesto caotico della città più fantastica del mondo per pensare a questo.
Ritorno.
Cosa cercavo col mio viaggio?
Me stessa?
La pace?
La serenità?
La vendetta?
O qualcosa d’altro?
Valigia_Angiola_TremontiMentre il tassista si districa nel groviglio di ruote, fumo e lamiere che sembra coprire tutta la città rimango a pensare.
La valigetta nera continuo a tenerla stretta al petto, come fosse un bimbo da allattare.
Mi rassicura. Avrò portato con me quanto mi occorre, camicia da notte sì, spazzolino sì, pillola per dormire sì, un buon libro sì. Una penna per raccontarmi, sì.
Era questo che cercavo abbandonando la mia casa, la mia città, allontanandomi per un po’ dal mio lavoro per tornare in questo splendido, infinito, incantato Paese?
Quasi mai il cercatore conosce in anticipo tutto di ciò̀ che sta cercando. Non faccio eccezione. Cercavo una porta. Una porta per cambiare.
Una porta che si aprisse non su un nuovo mondo – ho smesso da tempo di sognare di contee e di territori fatati abitati da pacifici elfi eterei – ma su un’altra versione del nostro.
Più umana, magari.
Valigia_Angiola_TremontiMeno disastrata.
Meno faticosa.
Non una via di fuga – di fughe ne ho avuto abbastanza, l’ultima quella del mio amato “maritino” con la sua avvenente segretaria tutta tailleur, tacchi e spacchi vertiginosi – ma la soglia da cui muovere un nuovo primo passo.
L’ho trovata.
E, forse, ho trovato molto di più.
Tutto qui, proprio qui nella valigia nera che stringo al petto. Sultanhamet, sulla strada per l’aeroporto…
Ora il taxi giallo sfila agilmente sulle corsie più sgombre, superando i bus verdi e le nere limousine dei servizi privati.
Ripenso a me stessa quando sono arrivata, pochi giorni fa.
Lungo questa stessa strada, nella direzione opposta, sedeva sul taxi lanciato verso la città una donna stanca, spaventata che si stringeva al petto una valigetta nera preziosa più di un diamante. Tante storie di donne vere……. (continua).

Ogni settimana una nuova “storia di valigie”!

Seguite il nostro podcast!

Un’azione nella cornice della mostra temporanea “Borse, trolley e valigie – Viaggio nella storia dei bagagli” (2021-2022)

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *