“Ci hanno riconosciute. Ma come fanno?”

Chi, uscendo dal palazzo d’ingresso, supera il ponte che conduce alla collina del castello, passa davanti alle statue di una coppia di ristoratori. L‘idea è quella di invitare i turisti a visitare il museo. Un sensore di movimento installato nelle statue fa loro dire le classiche frasi di saluto in uso nel settore alberghiero tirolese. Un pomeriggio passeggiano davanti alle statue due anziane signore italiane, a braccetto. “Oh, chi si rivede!” dice la voce all‘altoparlante. Una delle signore, sorpresa:
“Ci hanno riconosciute. Ma come fanno?” L‘altra, tutta seria: “Siamo passate di qua anche stamattina, non ti ricordi?”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *