Una carrellata di vecchi ricordi

Gentili utenti,

Oggi desideriamo deliziare i vostri ricordi portando alla luce uno dei fiori all’occhiello della nostra cittadina: le artistiche ed ammirevoli aiuole meranesi.

Tutti voi, ogni giorno, da molti anni, passeggiando nella cittá di cura dal flair mediterraneo, noterete questo spettacolo decorativo.

Merano, da sempre nota come la “città giardino“, propone nei suoi spazi pubblici, cespugli artistici e figure floreali di notevole maestria.

Per questo, oggi, pubblichiamo una piccola raccolta di cartoline proveniente dalla nostra collezione (riconducibile a svariate annate: dal 1965 al 1990), atta a rievocare quelle coloratissime aiuole, che, spesso, han fatto da sfondo alle nostre fotografie di famiglia.

Anche quest’anno, nelle loro varianti decorative, attendono tutti voi nei vari punti della cittá per continuare ad essere ammirate e fotografate.

Sandra Soffiatti – Collezione Touriseum

4 pensieri su “Una carrellata di vecchi ricordi

  1. Eleonora

    Fiori, profumi e colori delle aiuole di Merano rendono ogni scatto fotografico più vivace.Grazie di aver dato forma e memoria a questi “meravigliosi” monumenti…

    Rispondi
    1. Evelyn Reso Autore articolo

      Gentilissima Eleonora, grazie a Lei per il suo graditissimo apprezzamento..un input prezioso e simpatico al nostro operato..
      Un Caro saluto e..ai prossimi ricordi..
      Sandra Soffiatti

      Rispondi
  2. Arianna

    Che dire… stupefacente… è proprio vero le caratteristiche aiule meranesi han reso ancora piu belle le mie foto scattate in quel di di merano…quanti ricordi…quanta nostalgia….quanta ammirevole bellezza tutto curato ogni particolare..tanta precisione e stile. Bellissimo!

    Rispondi
    1. Evelyn Reso Autore articolo

      Buongiorno Arianna!
      Desidero ringraziarLa per aver condiviso ed espresso la sua gioiosa opinione sulla nostra collezione museale. Mi fa immensamente piacere, aver rievocato in Lei..preziosi ed indimenticabili ricordi.
      Un Caro Saluto e..splendida giornata.
      Sandra Soffiatti

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *