Archivi tag: tirocinio

La mia alternanza scuola-lavoro qui al Touriseum!

Lunedì 3 giugno 2019 ho iniziato un meraviglioso percorso di alternanza scuola-lavoro presso il castello e museo “Touriseum” dei giardini Trauttmandorff. Sono state tre settimane piuttosto piene ma sempre molto piacevoli grazie allo staff di lavoro del museo che si è sempre reso disponibile nei miei confronti, permettendomi di svolgere il mio stage in calma e serenità facendomi sentire parte del loro “team”.

Ora che ormai la mia alternanza è giunta al termine posso dire di aver imparato veramente tanto! A partire dall´utilizzo di programmi per il computer fino ad un miglioramento nell´interazione con nuove persone, nel caso specifico con turisti a cui ho avuto modo di dare informazioni sia in lingua italiana sia in lingua tedesca.

Sono molti i momenti di questa fantastica alternanza che porterò nel cuore… momenti vissuti con la mia compagna di stage Hannah, le pause pranzo che trascorrevo in mezzo alla bellezza dei giardini e soprattutto l´intero fantastico team “Touriseum”!

Ancora tante grazie per questa opportunità!

Alice Zancanella

  1. classe Liceo linguistico “Gandhi” Merano

Il viaggio nel tempo

Grazie alla Scuola che frequento per aver fatto un’ottima scelta: quella di mandarmi a svolgere lo stage al Touriseum – Castel Trauttmansdorff.

Lo stage ha avuto inizio l´11 marzo 2019.

Il primo giorno sono stata accompagnata dalla mia professoressa di Informatica; Ero molto agitata, ma quando sono entrata e ho conosciuto i dipendenti del Touriseum, mi sono tranquillizzata perché mi hanno accolta con molta gentilezza e tanti sorrisi che mi hanno fatta sentire a casa.

Il Touriseum è ricco di sorprese e affascinanti storie del turismo regionale nascoste nel suo percorso museale che prima d´ora non ho avuto l´opportunità di conoscere.

Oltre a tutto è anche ambientato nel Giardino Botanico che sembra il paradiso; con la sua bellissima natura e i bellissimi fiori spettacolari.

La mia esperienza lavorativa al Touriseum è stata ottima e i dipendenti erano sempre molto disponibili a spiegarmi le cose che non sapevo e che saranno molto utili per il futuro e anche a farmi le traduzioni dalla lingua Tedesca a quell’Italiana quando non capivo.

Oltre all’esperienza lavorativa ho avuto anche l´opportunità di visitare il museo con una mediatrice, visitare l´incantevole Giardino Botanico e a seguire due progetti di due scuole diverse che consiste nello studiare bene la storia del percorso museale e costruire dei formati di mediazione per poi fare da guida e far divertire un’altra classe.

I lavori che ho svolto al Touriseum sono stati divisi in tanti compiti: ho cercato nei libri della biblioteca articoli sull’Alto Adige, ho aiutato alla reception, ho fatto anche dei lavori in Excel, ho preparato del materiale per delle scuole che verranno a visitare il museo ecc.

E ´stata una bellissima esperienza!

Ringrazio tutto lo staff per queste bellissime quattro settimane.

E faccio un ringraziamento molto speciale alla mia tutor: la signora Engl Ruth che mi ha seguito durante questo periodo e mi ha dato il suo tempo per spiegarmi come funziona il mondo del lavoro.

Aya Benaissa, studentessa della Scuola Professionale Provinciale per l’Artigianato, l’Industria e il Commercio “Guglielmo Marconi” di Merano.

Un´esperienza fantastica

Ho avuto la grande opportunità di svolgere la mia alternanza scuola-lavoro al Touriseum: un museo fantastico che rappresenta la storia del turismo in un modo interattivo e innovativo. Mi ritengo fortuna per aver partecipato alle visite guidate sulle mostre del museo; mi hanno permesso di conoscere l´inizio di questo grande fenomeno – il turismo. Prima della mia esperienza, nonostante fossi stata molteplici volte nei giardini, non ero mai entrata nel Touriseum; ho avuto molte occasioni per pentirmene !!!

I lavori che ho svolto sono stati vari, il progetto piú interessante è stato l´organizzazione del gioco di ruolo „Tatort Alpenpass – Ein Sommernachtskrimi“.

Ho vissuto un´esperienza fantastica anche grazie allo staff del Touriseum che mi accoglieva ogni giorno con un sorriso contagioso e una gentilezza che mi faceva sentire a mio agio. Il clima in ufficio era molto pacifico e socievole, lavorarci è stato un piacere!

Frequentando un linguistico, non posso dimenticare di citare la presenza del plurilinguismo all´interno del museo: tedesco e italiano si alternavano con l´arrivo di ogni visitatore. Questa situazione mi ha permesso di migliorare il mio tedesco e di utilizzarlo in un ambito diverso dal solito.

Ringrazio tutti per queste 3 settimane; un grazie speciale va alla mia tutor Engl Ruth che mi ha assistito calorosamente durante questo periodo.

Consiglio ad ognuno di visitare assolutamente il Touriseum!

Sofia Rizzi

Viaggio tra passato e presente

Castel Trauttmansdorff è un luogo di continue scoperte. Ogni volta che attraverso il ponte ricoperto di fiori per dirigermi all’ ufficio del Touriseum mi si presenta una vista spettacolare: il minuto e silenzioso castelletto mi accoglie con le sue strette scale e i suoi balconi ricoperti dedera. Ogni giorno noto uno scorcio nuovo, un nuovo arco neogotico, un nuovo dettaglio e rimango fema in mezzo al viottolo per almeno un minuto, persa nei miei pensieri. Ci sono luoghi in cui il vento della storia è sempre presente. E ci sono persone- come i lavoratori del Touriseum- che sono in grado di trasmettere al pubblico gli avvenimenti del passato in modo vivace e riescono così a creare qualcosa di innovativo. Da studentessa di storia dell’arte sono sempre contenta quando vedo che viene sviluppata una nuova prassi museale e si sperimenta con la disposizione degli oggetti esposti, creando un percorso dinamico, ma non per questo meno interessante.

DSC_0444

Ci si potrebbe anche chiedere se un concetto espositorio così moderno, il quale si serve di molti dispositivi multimediali, possa convivere in modo armonioso con un castello, il cui aspetto è fondamentalmente frutto di un approccio storicistico. Si potrebbe infatti facilmente pensare che le intenzioni romanticheggianti dell’ultimo signore del castello, Friedrich von Deuster, non siano compatibili con la tecnologia attuale.

Io sono però convinta che lo scopo di allora non fosse tanto lontano da quello odierno, e cioè riportare in vita il passato e renderlo visibile ai posteri. Le valigie blu del Touriseum si sono quindi integrate benissimo nell’area del castello e accompagnano i visitatori fino al cortile interno. Sulle pareti del giroscale d’entrata citazioni di personaggi famosi – in parte molto serie, in parte ironiche- introducono il tema turismo  e mostrano quanto esso sia vasto e poliedrico. Prima di aver visitato il Touriseum non conoscevo minimamente questa parte importante della storia e non avevo alcuna idea del come si fosse giunti all’industria turistica di oggi e quali conseguenze ciò abbia sulla vita quotidiana.

Siccome si tratta di un argomento che si trasforma e rinnova di giorno in giorno, è necessario che coloro che se ne occupano siano sempre informati e aperti a nuove realtà. Questa cosa mi ha molto colpita e credo, che proprio per questo motivo le persone che lavorano qui siano lungimiranti e svolgano il proprio lavoro con gioia.

I miei compiti durante queste 6 settimane sono stati in più disparati: ho aiutato alla reception, ho cercato nella biblioteca del castello informazioni per la prossima mostra, inventarizzato cartoline e volantini etc. Tutto mi è stato spiegato con parole gentili e ho sempre avuto l’impressione che il mio lavoro venisse apprezzato e tenuto in considerazione.

Infine vorrei aggiungere che i musei sono istituzioni, le quali danno un enorme contributo alla cultura e cercano di rendere informazioni accessibili a un pubblico più vasto possibile. Perciò non bisognerebbe mai dimenticare quante riflessioni e lavoro ci siano dietro a una mostra e sfruttare ogni occasione per arricchirsi culturalmente.

Consiglio a tutti i viaggiatori che desiderano ampliare i propri orizzonti di fare una visita al Touriseum.

Ringrazio moltissimo tutti coloro che hanno contribuito alla buona riuscita del mio tirocinio,

Francesca

Il mio stage al Touriseum

Mi ritengo piú che fortunato ad aver fatto lo stage al Touriseum, innanzi tutto per la locazione ed il valore culturale di questo posto:  Castel Trauttmansdorff è situato all’interno di un meraviglioso giardino botanico, unico nel suo genere, inoltre ha visto passare secoli di storia, in quanto ha avuto molti proprietari.

Al Touriseum ho avuto un’ ottima esperienza lavorativa, e sono entrato al meglio a contatto col mondo del lavoro.

Volevo ringraziare anche tutto lo staff del Touriseum per la gentilezza e la disponibilitá dimostrata nei miei confronti.

Ovviamente ho anche avuto la possibilitá di visitare il bellissimo museo e gli incantevoli giardini.

Le argomentazioni trattate dal Touriseum mi riguardano da vicino, facendo io una scuola di indirizzo turistico; é stata perció un’esperienza molto utile.

É stata inoltre un’esperienza unica, che mi servirá anche per il futuro.

Danke für alles!

Es war fantastisch!

Matteo

Matteo Bandinelli, Firenze

Impressioni

Il 22 febbraio 2016 ho iniziato il mio stage al Touriseum. Questo stage è stato molto interessante, sono felice che la mia professoressa mi abbia trovato questo stage, e di aver avuto la mia prima esperienza lavorativa al Touriseum.

2016Claudiax

I colleghi sono stati molto carini con me e sempre disponibili ad aiutarmi in caso di bisogno. In questo stage ho imparato molte cose, svolto molti compiti e ho aiutato. Ho scannerizzato molte foto, foderato libri, creato tabelle in Excel e ho preparato dei lavori per gli scolari che verranno in seguito a visitare il Touriseum.

Non ho mai visitato il Touriseum e così ho avuto l’opportunità di avere una visita guidata, è stato molto interessante.

All’inizio ero nervosa, però poi ho capito che era inutile perché non ne avevo motivo.

Io ringrazio tutti quelli del Touriseum per questa esperienza e per avermi accolto.

Claudia De Demo, studente della Scuola Professionale Provinciale per l’Artigianato, l’Industria e il Commercio “Guglielmo Marconi” di Merano

Il mio stage al Touriseum

Il 2 marzo ho dovuto iniziare lo stage scolastico e come luogo dove svolgerlo ho scelto il Touriseum, ho fatto un’ottima scelta. Sono stata trattata bene da tutti e l’aria tra i colleghi è molto socievole.
Non ero mai stata al Touriseum e ho avuto l’opportunità di fare dei giri guidati con spiegazione molto dettagliata ed è stato molto interessante.

DSC_1141red

E’ stata la mia prima esperienza lavorativa e sono molto contenta di aver trovato un posto così bello e acculturato.
All’inizio avevo un po’ di paura, cosa che ho capito inutile perché non ne avevo motivo.
Non vedo l’ora di tornarci anche come visitatrice.

Jessica Soffiatti

Il mio stage al Touriseum

Non ho deciso io di fare lo stage qua al Touriseum ma la scuola che frequento, la quale penso che abbia fatto una buona scelta perchè mi piace molto sia stare a contatto con le persone sia con la natura.

La maggior parte delle persone con cui sono stata a contatto tutti i giorni sono di lingua tedesca, sono molto gentili e disponibili in quanto mi hanno aiutato a migliorare il tedesco e ad ampliare le mie conoscenze.

Al museo ho lavorato sia in ufficio, dove ho collaborato con i miei colleghi nei preparativi per un evento; sia alla reception dove ho conosciuto una parte del personale molto simpatica, il quale é riuscito ad insegnarmi nuove parole a e farmi superare la timidezza di provare a mettere in pratica le mie conoscenze e per questo lo ringrazio.

Sono riuscita a visitare il museo e ad effettuare  un giro come accompagnatore insieme ad una guida turistica di un gruppo di persone.

Il museo è interattivo in quanto attraverso la tecnologia riesce a spiegare sia ai piú piccoli che ai più grandi come si è sviluppato il turismo alpino.

Al giardino invece ho avuto la possibilitá di effettuare una visita a tutto tondo. Ogni suo angolo riservava coloratissime sorprese che lo rendevano unico e piacevole agli occhi, difatti ogni persona ne era entusiasta, compresa me!

Il luogo in cui ho effettuato lo stage é molto accogliente e tranquillo dove tutti riescono a lavorare serenamente.

DSC_0186

Giulia

Il mio stage al Touriseum

Per me poter fare uno stage qui nel Touriseum è una grande opportunità per molti motivi: qui posso stare a contatto con persone che conoscono bene la lingua tedesca, affinché io possa migliorare le mie conoscenze ed i colleghi sono anche molto disponibili a spiegarmi in italiano quando non capisco. Poi a me piace molto la natura e qui ci posso stare a contatto ogni giorno, visto che si trova all´interno del giardino botanico.

Alessia

Un motivo per cui ho deciso di fare lo stage qui è stato perché avevo visitato in precedenza il museo e mi era piaciuto molto, allora mi interessava sapere chi aveva fatto tutto questo lavoro e come lo aveva fatto.

È uno stage che proporrei di fare a coloro che amano la storia, perché lavorando nell´archivio si possono trovare molti oggetti che venivano adoperati in passato ed ora si sono evoluti, oppure anche delle fotografie e cartoline, lavorando a contatto con questi oggetti si possono imparare molte cose. Lo staff lavora in un clima ottimo, vanno tutti d´accordo e si aiutano tra loro quando c´è il bisogno, ed anche il posto è molto accogliente.

Alessia, Merano